Fare spazio alle attività culturali: un nuovo standard urbanistico per una città solidale e multiculturale

Video integrale dell’incontro del 13/01/2018 svoltosi presso l’Urban Center di Torino e promosso da Associazione Eddyburg: le attività culturali possono avere valenza sociale ed essere considerate come una forma avanzata di welfare, inclusiva e abilitante, alla quale possono contribuire attivamente persone con provenienze, storie e risorse differenti. Una società che ambisca a essere solidale e […]

Continue reading →

Scuola di Eddyburg 2018: “Fare spazio alle attività culturali”

12-13 gennaio 2018 Urban Center Metropolitano Torino “Fare spazio alle attività culturali” Un nuovo standard urbanistico per una città solidale e multiculturale Le attività culturali possono avere valenza sociale ed essere considerate come una forma avanzata di welfare, inclusiva e abilitante, alla quale possono contribuire attivamente persone con provenienze, storie e risorse differenti. Una società […]

Continue reading →

Corso “STORIA DELLE PERIFERIE ITALIANE”

APERTE LE ISCRIZIONI PER IL CORSO  “STORIA DELLE PERIFERIE ITALIANE” del Prof. Nader Ghazvinizadeh DA LUNEDÌ 9 OTTOBRE a LUNEDÌ 13 NOVEMBRE SEI INCONTRI dalle ore 18 alle ore 20 presso Università Primo Levi, via Azzo Gardino 20/B, Bologna Gli uomini non possono vedere nulla intorno a sé che non sia il loro proprio viso: […]

Continue reading →

Recensione “I Cosmonauti” di Alex Caselli

Nell’età delle grandi narrazioni e della pretestuosa ricerca di architetture e trame letterarie così posticce da divenire intercambiabili (finendo per tradire un malinteso presupposto primo di realismo), avere tra le mani un libro di narrativa involontariamente estraneo a impalcature preventive di contenuto e forma è già di per sé un dato di partenza da salutare […]

Continue reading →

I Cosmonauti – Prefazione di Matteo Marchesini

Aprire questo libro significa ritrovarsi ex abrupto in un mondo che ci appare straniero o addirittura esotico proprio perché spesso lo abitiamo senza accorgercene: quello delle più tipiche e insieme anonime province italiane. Diciamo esotico, straniero: ma mai pittoresco. Perché lo sguardo che lo inquadra non è quello del narratore-reportagista, coi suoi amori volubili di […]

Continue reading →

Ecco due “scrittori in versi” migliori di tanti loro coetanei prosatori

di Matteo Marchesini, “Il Foglio”, 13 luglio 2011 Triste destino pubblico, quello dei giovani poeti rimasti fuori dai canoni editoriali. Alle presentazioni deserte, perfino i librai li fissano con occhi da impaziente ufficiale giudiziario. Come convincere la gente che sono scrittori anche loro come i romanzieri, e che viceversa anche i romanzieri si cimentano con un […]

Continue reading →