Calendario delle presentazioni “Addio vint” di Nader Ghazvinizadeh

Venerdì 31 maggio 2019 alle ore 18

presso Biblioteca Casa di Khaoula 

in via di Corticella 104 a Bologna

Introduce e dialoga con l’autore il critico Matteo Marchesini

 

Sabato 8 giugno 2019 dalle ore 19 alle 20:15

presso Libreria Trebisonda

in via S. Anselmo 22 a Torino

Modera Matteo Marchesini

Intervengono Mario Marchetti del Premio Italo Calvino e

Giorgio Ghibaudo della rivista Crack Rivista.

 

Venerdì 28 giugno 2019 dalle ore 19,30 alle 21,30

presso Le Serre Dei Giardini Margherita

in Via Castiglione 134 a Bologna

Introduce e dialoga con l’autore lo scrittore Alex Caselli

I quattro racconti che compongono il libro esplorano la città di Bologna in modo inedito, offrendocene una visione autentica. Grazie all’istinto da cartografo dell’autore, Addio Vint illumina aree urbane in penombra con la forza e l’imprevedibilità di un incendio. Il fuoco divampa e sceglie strade arbitrarie, portando l’attenzione su oggetti semplici, abitudinari. Ghazvinizadeh segue questo fuoco con dedizione fino alla destinazione ultima, soffermandosi sui protagonisti dei racconti, custodi di esistenze eccezionali, rivelatori di scorci umani e cittadini sconcertanti e originali. La raccolta propone un immaginario altro di Bologna, inadatto ai suoi brand e luoghi comuni – cultura underground, cibo, turismo – rivelando una città diversa, inquieta, oscura e reale.

Per seguire la pagina fb curata dall’autore

“Soqquadro: autoritratto dei confini”, CLICK QUI.

 

ADDIO VINT

Per ricevere il libro o organizzare una presentazione Click QUi

Questi quattro racconti esplorano la città di Bologna in modo inedito, offrendocene una visione autentica. Grazie all’istinto da cartografo dell’autore, “Addio Vint” illumina aree urbane in penombra con la forza e l’imprevedibilità di un incendio. Il fuoco divampa e sceglie strade arbitrarie, portando l’attenzione su oggetti semplici, abitudinari. Ghazvinizadeh segue questo fuoco con dedizione fino alla destinazione ultima, soffermandosi sui protagonisti dei racconti, custodi di esistenze eccezionali, rivelatori di scorci umani e cittadini sconcertanti e originali. La raccolta propone un immaginario altro di Bologna, inadatto ai suoi brand e luoghi comuni – cultura underground, cibo, turismo – rivelando una città diversa, inquieta, oscura e reale.
I quattro racconti sono illustrati dal fumettista Andrea Bruno.

Autore: Nader Ghazvinizadeh
Editore:
Illustrazioni: Andrea Bruno
Pagine: 96
Anno:

Fare spazio alle attività culturali: un nuovo standard urbanistico per una città solidale e multiculturale

Video integrale dell’incontro del 13/01/2018 svoltosi presso l’Urban Center di Torino e promosso da Associazione Eddyburg: le attività culturali possono avere valenza sociale ed essere considerate come una forma avanzata di welfare, inclusiva e abilitante, alla quale possono contribuire attivamente persone con provenienze, storie e risorse differenti. Una società che ambisca a essere solidale e multiculturale deve garantire, in ogni città e in ogni paese, spazi adeguati per le attività culturali. La pianificazione urbanistica può fornire un contributo in questa prospettiva, attraverso uno standard urbanistico specifico?


Interventi di:
Nader Ghazvinizadeh, professore e scrittore
Edoardo Salzano, presidente Eddyburg,ingegnere urbanista, professore
Guido Montanari, professore di storia dell’architettura contemporanea e vicesindaco di Torino
Chiara Sebastiani, esperta di politiche urbane
Ha moderato l’incontro:
Ilaria Boniburini architetto
Riprese e montaggio di Margherita Ghazvinizadeh (www.burattinificio.it)

Scuola di Eddyburg 2018: “Fare spazio alle attività culturali”

Foto di Jacopo Pasqui

12-13 gennaio 2018

Urban Center Metropolitano Torino

“Fare spazio alle attività culturali”

Un nuovo standard urbanistico per una città solidale e multiculturale

Le attività culturali possono avere valenza sociale ed essere considerate come una forma avanzata di welfare, inclusiva e abilitante, alla quale possono contribuire attivamente persone con provenienze, storie e risorse differenti. Una società che ambisca a essere solidale e multiculturale deve garantire, in ogni città e in ogni paese, spazi adeguati per le attività culturali. La pianificazione urbanistica può fornire un contributo in questa prospettiva, attraverso uno standard urbanistico specifico? Ne discutiamo in due appuntamenti organizzati presso l’Urban Center Metropolitano, sulla base di un lavoro di ricerca promosso dall’associazione eddyburg.

Continue reading →

CORSO “STORIA DELLE PERIFERIE” – LEZIONE 3

 

Estratto dal corso “Storia delle periferie”, lezione del 23/10/2017 presso Università Primo Levi, Bologna. Temi affrontati: i tentativi bolognesi di urbanistica partecipata (Progetto Bella Fuori e Piazza dei Colori). Il Corviale di Roma. Il Librino di Catania.

“Storia delle Periferie”: Rassegna Stampa 2000-17

Avevo molto più coraggio allora di ora. Coraggio di camminare e di sparare, a salve. Non sapevo come si scriveva un articolo, credevo di sapere come si costruisce una città. Confondevo le cartine con i piani regolatori. Tutti hanno un libro preferito, io da giovane non riuscivo a leggere romanzi. Perché ero un narratore e non sopportavo che qualcuno narrasse a me. Le mie letture erano gli sfondi per le mie future storie, la musica che ascoltavo era la colonna sonora. Bologna nel 2000 era ancora una ragazza di campagna, che somigliava a sua madre. Io ho raccontato il suo ballo delle debuttanti. Ora è tutta città, la città è vecchia, senza nostalgia di quando era ragazza, di quando era, forse, bella. 

da “Il Domani”, giovedì 28 dicembre 2000

Viaggio tra i misteri dei tracciati della periferia dove si nascondono nomadi, clandestini e graffitisti

Queste le strade che non esistono

“Dalla sinistra di via di Casaglia, oltre il bivio con via Monte Albano per San Luca, passa davanti alla chiesa di Casaglia e si perde in collina”. Questa è la poetica descrizione di via della Cavriola, una strada collinare fuori cartina, fornita da Tutto Città 2001. Ma la pubblicazione delle Pagine Gialle non è sempre così precisa: ci sono strade che esistono, ma non sono riportate nella carta, o lo sono con notevole ritardo, altre invece non esistono da tempo ma la cartina continua da anni a riportarle. I Prati di Caprara, per esempio, furono teatro delle più antiche e nobili gesta calcistiche della città; oggi, lungo la via omonima, sono scomparsi i containers, ma è nato un enorme cantiere per la grande viabilità tra l’Ospedale e la via del Lazzaretto. Percorrendo fra le scavatrici una strada che non compare in Tutto Città (forse in quanto provvisoria), ma che modificherà per molto tempo la viabilità della zona, si giunge alle case di via Burgatti, costruite per gli sfollati di Pola, su di un terreno delle Ferrovie dello Stato, che a lungo la cartina ha ignorato. In questi lotti, a metà strada tra le favelas e le villette a schiera, abitano ex dipendenti delle ferrovie che hanno lavorato con l’amianto per anni ed ora vivono senza gas e strade asfaltate. Anni or sono famiglie di immigrati offrivano a tutto il vicinato carne ai ferri durante feste danzanti; loro non si meravigliano di dover cucinare al gasolio o di aprire le finestre al mattino e guardare dentro ad un vecchio treno portato nella notte. Un tempo tra via Malvasia e i Prati di Caprara vi era via del Chiù. Ora, nonostante la cartina dica il contrario, è divenuta una mulattiera che si inoltra tra i percorsi di guerra della caserma, una vecchia ferrovia abbandonata, un canale di scolo del Navile e lo scalo ferroviario. I suoi frequentatori sono graffitisti e tossicodipendenti, che si incrociano soprattutto nella notte. Secoli fa le sponde del Navile ospitavano laboratori tessili e fornaci che producevano il famoso mattone rosso bolognese; oggi sono luoghi malsani, dove la città nasconde i suoi clandestini. Via Gobetti, dalla chiusura della fabbrica Santa Rosa, non è più la stessa, e gli abitanti, dall’eccidio di due Sinti ad opera della Uno Bianca, nemmeno. In questa via ha sede il CNR, ma la strada per raggiungerlo non è segnata da Tutto Città. Un bivio a sinistra porta alla vecchia fornace del Battiferro e agli orti dei pensionati sul terreno demaniale, dai quali si gode la vista delle chiuse leonardesche sul Navile e dell’ex fornace Galotti, ove ora sorge il Museo del Patrimonio Industriale. Da lì si giunge su di un ponte, da tempo interrotto perché pericolante, secondo la cartina, in effetti percorribile. C’è un mistero legato a via della Croce Coperta e via della Dozza, strade che portano i nomi di due zone tra le più popolari della città: a quanto rileva la cartina le due vie terminano a ridosso dell’autostrada Bologna-Padova e, magicamente, si congiungono. In realtà via della Croce Coperta termina con una distesa di rifiuti e con una recinzione in parte divelta che permette di raggiungere a piedi l’autostrada. In via della Dozza, invece, si trova un accesso cittadino al casello Arcoveggio. L’urbanistica e la toponomastica ove sorge il CAAB sono state stravolte: solitari viottoli campestri che si perdevano verso Granarolo e Villanova sono diventati vere e proprie highways extraurbane sempre deserte. Dove sono finite via Santa Caterina di Quarto, via Fiorini e parte di via Bassa dei Sassi? Dove sono sulla cartina le nuove vie Carnacini, Martinetti, Fantoni, Canali, Fanin e la Rotonda Torri? Ai margini della vecchia via Santa Caterina di Quarto, ormai abbandonata, dove ai vecchi tempi si correvano spericolate gare clandestine sostano spesso auto “misteriose”. La nuova viabilità, per ora, ha favorito più i piloti e gli scommettitori notturni, piuttosto che gli operatori del centro agro-alimentare. Ancora nei pressi del nuovo mercato orto-frutticolo, Tutto Città segnala, all’altezza del Condominio “I Pioppi”, la prosecuzione di via Larga, chiusa in realtà da tempo per lavori, e divenuta un viottolo medievale. La romantica via degli Olmi, che si raggiunge costeggiando lo scalo merci San Donato e proseguendo per la vecchia Bassa dei Sassi (ora via Fantoni), non è più la stessa di dieci anni fa. Ora è totalmente sterrata e, da tempo, ai bordi della strada, c’è una vecchia auto bruciata. Ci si trova nei pressi di via Crocione, in una parte di città divisa in zone dallo scalo merci delle ferrovie: Posto A, Posto B, Smistamento, tra il campo nomadi di Santa Caterina (tristemente noto per il raid incendiario), le Roveri e il Pilastro, esempio di cattiva urbanistica noto in tutta Europa e, soprattutto, teatro della strage dei tre Carabinieri ad opera dei fratelli Savi. Sorprende che, anche nelle altre zone che per le cartine “non esistono”, vi siano in realtà campi nomadi, scali dove la notte non dormono certo solo ferrovieri, e faraoniche architetture (Maggiore, CNR, CAAB).

Corso “STORIA DELLE PERIFERIE ITALIANE”

APERTE LE ISCRIZIONI PER IL CORSO 

STORIA DELLE PERIFERIE ITALIANE” del Prof. Nader Ghazvinizadeh

DA LUNEDÌ 9 OTTOBRE a LUNEDÌ 13 NOVEMBRE

SEI INCONTRI dalle ore 18 alle ore 20

presso Università Primo Levi, via Azzo Gardino 20/B, Bologna

Gli uomini non possono vedere nulla intorno a sé che non sia il loro proprio viso: tutto parla loro di loro stessi. Anche il loro paesaggio ha un’anima” (Guy Debord). Come un alveare puo’ considerarsi l’autoritratto della comunita’ delle api, la citta’ lo e’ della societa’ degli uomini. Nasce in forma umana: la strada principale, come un’arteria, conduce fino alla piazza, il cuore urbano, poi di nuovo si allontana verso le periferie. Il nostro lavoro si pone come obiettivo la ricostruzione della storia italiana attraverso la storia delle periferie – tramite testi, filmati d’epoca e tracce documentarie. Il concetto di periferia e’ vago, come le terre che dalla citta’ degradano verso il nulla. Per questo motivo non verranno trattati soltanto i ghetti o i quartieri dormitorio, ma anche le citta’ fantasma – come Ceolini, costruita a ridosso della base aerea di Aviano, a Pordenone, l’archeologia industriale di Carbonia o del delta del Po, il ghetto per contadini di Gorino Veneto, periferia di una citta’ che non esiste. La periferia puo’ essere anche nel cuore di una citta’: come a Noto, dove vive la comunita’ dei Caminanti, girovaghi, seminomadi che hanno una storia misteriosa tramandata soltanto in forma orale e un gergo segreto.